Chi ha inventato l’apriscatole?

Il primo modello di apriscatole fu brevettato nel 1855 dall’inglese Robert Yates che era un fabbricante di posate e che inventò un apriscatole a leva a forma di artiglio. Questo strumento era un coltello modificato la cui lama permetteva di tagliare la lattina lungo il bordo superiore facendo leva con il manico.

Nel 1858 lo statunitense Ezra Warner brevetto un congegno più complesso con una lama a forma di falcetto, molto affilata, dotata di una sicura di metallo e collegata ad una seconda lama che, facendo leva, tagliava la parte superiore della lattina. La sua lama a falcetto così affilata, però, fu considerata troppo pericolosa per un uso domestico e fu fornita solo ai soldati che combatterono nella Guerra Civile Americana, mentre i civili si facevano aprire le scatole dai negozianti.
Il primo apriscatole per uso domestico fu brevettato nel 1865 e venduto con le scatolette di manzo marinato Bully ed era molto simile a quello di Yates anche se comunque pericoloso.
Nel 1870 venne brevettato un apriscatole dotato di rotella dall’inventore William Lyman e nel 1925 arrivò la versione definitiva brevettata dalla Star Can Opener Company che migliorò quest’ultimo modello a rotella e  che è l’apriscatole ancora in uso oggi. Nel 1931 venne brevettata la versione elettrica.
Attualmente esistono in commercio svariati tipi di apriscatole sia manuali che elettrici.
Prima dell’invenzione dell’apriscatole le lattine venivano aperte con martello e scalpello, come suggerito nelle istruzioni presenti all’esterno della lattina, oppure con la baionetta, come facevano alcuni soldati della Guerra Civile Americana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...