Perché si dice “giudizio salomonico”?

La definizione “giudizio salomonico” vuol dire giudizio saggio ed equilibrato e si riferisce a Salomone, re d’Israele, figlio di Davide.
L’espressione è tratta da un celebre episodio della Bibbia contenuto nel Primo Libro dei Re, in cui due donne si presentano al monarca ognuna di esse sostenendo di essere la madre dello stesso bambino. Il figlio di una delle due, nottetempo, era morto, e la madre aveva sostituito il suo cadaverino col neonato dell’altra, prendendo quindi quello vivo con sé.
Ciascuna ovviamente pretendeva che il figlio vivo fosse il proprio, e si ritrovarono davanti al re per ottenere un giudizio. Mancando elementi certi per capire chi delle due donne avesse ragione, il re decise che, spada alla mano, il piccolo sarebbe stato tagliato in due: una metà sarebbe stata data ad una madre, e l’altra metà all’altra. A quel punto una delle due donne supplicò il re di salvare la creatura e di lasciarla all’altra donna. Fu così che Salomone capì che la madre che rinunciava al piccolo era quella vera, poiché amava davvero il suo bambino al punto da lasciarlo all’altra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...