Quando avete la testa da un’altra parte una porzione del vostro cervello sta’ dormendo

Forse vi siete già accorti che quando siete stanchi la vostra mente inizia a distrarsi, succede perché parti del vostro cervello stanno andando a dormire. Secondo uno studio pubblicato questa settimana sulla rivista eLife un circuito cerebrale scoperto di recente innesca il meccanismo secondo il quale parti del cervello vanno a riposo mentre il resto mantiene l’alimentazione durante tutto il giorno. Questi risultati potrebbero aiutare gli scienziati a sviluppare cure migliori per propiziare il sonno.
Per molte persone, il sonno viene considerato come una situazione tutto-o-niente: o si è svegli o si è addormentati. Ma a quanto pare, il cervello non si spegne appena si va a letto.
Quando si è addormentati, in coma, o in anestesia, una parte del cervello, chiamata nucleo reticolare del talamo (TRN), inizia ad inviare onde cerebrali lente alla corteccia cerebrale. Queste “onde lente” sono gli stessi segnali che attivano il sonno profondo e possono aiutare il cervello a consolidare i ricordi. Quando le onde lente sono attivate mentre si è svegli, mandano parti del cervello a dormire, facendo sentire sonnolenza alla persona, scrive Andrew Lesane per Mental Floss.
Quando vengono indotte queste onde lente attraverso la corteccia, gli animali iniziano ad agire come se provassero sonnolenza. Smettono di muoversi e il loro tono muscolare cala“, l’autore dello studio Laura D. Lewis dice in un comunicato. “Sono incline a pensare che accade perché il cervello comincia la transizione verso il sonno, e alcune regioni locali del cervello vanno a riposo provocando sonnolenza anche se tu sei costretto a rimanere sveglio.
Per verificare se il TRN può causare sonnolenza diurna, Lewis e il suo gruppo hanno cercato di stimolare la regione nei topi per vedere se i roditori sarebbero stati assonnati. Quando hanno innescato la TRN, il cervello dei topi ha prodotto onde lente, rendendo i topi storditi e sonnolenti. Non solo questo sembra essere il motivo per cui si sente il bisogno del caffè delle 03:00, ma suggerisce che il TRN può portare le persone in un profondo sonno senza sogni proprio come l’anestesia, scrive Samantha Olson su Medical Daily.
Il TRN è quasi certamente il luogo di azione di molti farmaci anestetici, dato che una grande classe di essi agisce su queste sinapsi e produce onde lente come una propria caratteristica,” dice in un comunicato il coautore dello studio, Emery Brown.
Gli anestetici sono una parte fondamentale di molti trattamenti medici moderni, ma gli scienziati ancora non comprendono completamente come funzionano. Ma se gli scienziati sono in grado di utilizzare il TRN per indurre la gente a dormire come è accaduto con i topi, questo potrebbe contribuire a rendere anestetici e farmaci per il sonno in grado di meglio imitare i modelli di sonno naturale portando meno effetti collaterali.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...