Conflitto tra formiche: l’ambra rivela due insetti bloccati in un combattimento mortale

Uno strano mondo di formiche guerriere e termiti corazzate è stato trovato conservato nell’ambra.

I fossili degli insetti, avvolti nell’ambra birmana del Myanmar, risalgono a 99 milioni di anni fa per quanto riguarda le formiche e 100 milioni di anni per le termiti. I fossili rivelano la sorprendente socialità di questi insetti che è cominciata molto presto nel loro sviluppo.

Le formiche si raggruppavano insieme ad altri esemplari della loro specie e, in un caso, si sono impegnate in una battaglia campale mascella contro mascella. Le termiti mostrano diversi adattamenti del corpo per quanto riguarda i soldati e le operaie, un marchio di garanzia di ruoli specializzati.

Fino ad ora, le più antiche termiti soldato che conoscevamo risalivano a 20 milioni di anni fa, quindi qui abbiamo una documentazione di 80 milioni di anni più vecchia“, ha detto il ricercatore Philip Barden, uno scienziato post-dottorato presso il American Museum of Natural History (AMNH) a New York. [Vedi le foto delle formiche e termiti combattenti intrappolate nell’ambra]

Termiti corazzate
Le termiti sono il gruppo animale sociale più antico, ha detto il prof. Barden a Live Science e fossili e prove genetiche suggeriscono che emersero nel periodo Cretaceo, tra 146 milioni e 100 milioni di anni fa. Sono stati trovati fossili di termiti di età superiore ai 100 milioni di anni, ha detto, ma solo di termiti riproduttive alate. I campioni di ambra birmani, che sono presenti nella collezione dell’AMNH, sono la testimonianza più antica dell’esistenza delle caste. Oggi, proprio come nel Cretaceo, le colonie di termiti sono composte da individui riproduttivi con le ali, lavoratori responsabili della costruzione delle gallerie e della raccolta di cibo, e soldati responsabili della difesa.

Operaie e soldati sono facili da distinguere, ha detto Barden, perché le operaie sono morbide e informi, e i soldati hanno corazze dure, teste distintive e mandibole forti. [Gallery: immagini di insetti fuori del mondo]
Un’operaia è anche molto più vulnerabile, e il soldato è come un carro armato“, ha detto Barden.

Nell’articolo online comparso sul numero 11 di febbraio della rivista Current Biology, i ricercatori hanno battezzato una delle specie appena scoperte, e che si trovano nel ambra, Gigantotermes rex. La termite era lunga quasi un pollice (2 cm), con mandibole molto robuste. Un’altra nuova specie, Krishnatermes yoddha, ha ricevuto il nome dall’anziano entomologo Kumar Krishna e dalla parola hindi “Yod’dha” che significa guerriero. Tutte e tre le caste della specie K. yoddha sono state trovate, tra cui un soldato dalla testa molto grande, un’operaia molto più fragile e una termite riproduttiva con le ali diafane.

E’ interessante trovare una chiara definizione dei ruoli così presto nello sviluppo delle termiti, perché le formiche – principali nemesi delle termiti – non erano ancora ecologicamente dominanti 100 milioni di anni fa, ha detto Barden.

Sembra che l’esistenza della casta dei soldati nelle termiti non avesse necessariamente a che fare con queste prime formiche“, ha detto. “Erano già ben sviluppati quando le formiche stavano muovendo i loro primi piccoli passi.”

Antiche formiche
Quei piccoli passi della formica sono stati illustrati in un articolo compagno del precedente, pubblicato anch’esso online su Current Biology. Barden e i suoi colleghi hanno esaminato i fossili nell’ambra birmana di formiche di 99 milioni di anni fa, solo 1 milione di anni più giovani rispetto ai più antichi fossili di formiche ritrovati finora, che sono stati trovati in Francia. Le formiche probabilmente si sono evolute circa 50 milioni di anni prima di questi fossili, nel tardo Cretaceo o all’inizio del Giurassico, ma nessun fossile è stato trovato di quel periodo.

I nuovi fossili rivelano che 99 milioni di anni fa, le formiche erano sociali; anche se esse costituiscono solo l’1 per cento dei fossili di insetti presenti nell’ambra, si trovano raggruppate insieme molto più spesso di quanto ci si aspetterebbe se fosse per caso. Ad esempio, la probabilità che un campione che ha trattenuto 11 formiche Gerontoformica spiralis e una formica Haidomyrmex zigrasi esista per mera casualità sarebbe di 1 su 31 quadrilioni, hanno puntualizzato i ricercatori. Un altro pezzo di ambra contiene 21 formiche di tre specie diverse.

Uno dei fossili più belli ingloba le operaie di due specie, G. spiralis e G. tendir bloccate in un combattimento mortale con le mascelle intrecciate l’una intorno all’altra. Prima che potesse emergere un vincitore, l’ambra ha avvolto la battaglia, congelandole in questa posizione.

La scoperta della battaglia tra formiche è solo una delle prove che dimostrano un comportamento sociale complesso in questi insetti, ha detto Barden. I ricercatori hanno anche scoperto operaie fossili e regine, rivelando che queste specializzazioni già esistevano nelle colonie di formiche nel Cretaceo. La scoperta è stata anche eccitante, ha detto Barden, perché queste formiche erano così diverse rispetto ai veloci parassiti che corrono in cucina di oggi.

Prendete il genere Haidomyrmex. Queste formiche ormai estinte avevano enormi mandibole che potevano essere chiuse di scatto per impalare le loro prede, ha detto Barden. Haidomyrmex (che significa “formica dell’inferno”) è sopravvissuta per almeno 20 milioni di anni, e le sue specializzazioni suggeriscono che potrebbe essere dipeso da un particolare, ma sconosciuto, tipo di preda. Un’altra specie, descritta di recente dai campioni birmani, aveva una testa simile a quella di un cammello e un apparato boccale bizzarro coperto di peli appuntiti.
Sembrava quasi a ‘Predator’, l’alieno del film“, ha detto Barden.

Questi lignaggi perduti da tempo sono per le formiche di oggi ciò che i dinosauri sono per gli uccelli moderni, Barden ha detto, i primi adattamenti che col tempo sono andati persi.
Lui e i suoi colleghi stanno ora studiando altri fossili birmani, così come la genetica di insetti moderni per capire come queste creature e le loro strutture sociali si siano evolute.

I fossili possono essere davvero illuminanti per la conoscenza di animali che sono vivi oggi“, ha detto Barden. “E le cose vive oggi e i geni presenti all’interno di esse possono essere davvero illuminanti per conoscere come vivevano queste prime creature.”

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...