Il continente perduto della Zealandia nasconde indizi sulla nascita dell’Anello di Fuoco

Il continente sottomarino della Zealandia ha subito drammatici cambiamenti nella sua vita di 85 milioni di anni.

Il continente sottomarino nascosto della Zealandia subì uno sconvolgimento al momento della nascita dell’Anello di Fuoco del Pacifico.

La Zealandia è un pezzo di crosta continentale accanto all’Australia. È quasi interamente sotto l’oceano, ad eccezione di alcune terre che sporgono dal mare, come la Nuova Zelanda e la Nuova Caledonia.

Nonostante il suo status sottomarino, la Zealandia non è fatta di crosta oceanica ricca di magnesio e ferro. E’ composta invece da una crosta continentale meno densa. L’esistenza di questa strana geologia è nota dagli anni ’70, ma solo recentemente la Zealandia è stata esplorata più da vicino. Nel 2017, i geoscienziati hanno riferito sulla rivista GSA Today che la Zealandia si qualifica come un continente a sé stante, grazie alla sua struttura e alla sua chiara separazione dal continente australiano.

Ora, una nuova analisi di “carote” della Zealandia perforate da sotto il fondo dell’oceano nel 2017 rivelano che questo continente ha subito un cambiamento parossistico tra 35 e 50 milioni di anni fa. Quando il processo di collisione continentale, noto come subduzione, iniziò nel Pacifico occidentale, parti della Zelanda del nord salirono di 3 miglia (3 km) e altre sezioni calarono di altezza di una quantità simile. (La subduzione si verifica quando una placca tettonica si scontra con un’altra e affonda sotto di essa.)

Questi drammatici cambiamenti nella Zealandia settentrionale, un’area delle dimensioni dell’India, coincisero con l’instabilità degli strati rocciosi e la formazione di vulcani sottomarini in tutto il Pacifico occidentale“, hanno scritto su The Conversation i co-autori Rupert Sutherland, geofisico del Te Herenga Waka-Victoria University di Wellington e Gerald Dickens della Rice University in Texas .

Fu, in poche parole, la nascita dell’Anello di Fuoco, l’arco delle zone di subduzione che circonda il Pacifico. L’attività tettonica dell’Anello di Fuoco è accompagnata da terremoti relativamente frequenti e regioni di intensa attività vulcanica.

Una delle cose straordinarie delle nostre osservazioni è che rivelano che i primi segni dell’Anello di Fuoco furono quasi simultanei in tutto il Pacifico occidentale“, ha detto Sutherland in una nota.

La Zealandia si separò dal supercontinente Gondwana circa 85 milioni di anni fa. Da allora non si sapeva molto delle sue dinamiche, quindi nel 2017, l’International Ocean Discovery Program Expedition 371 ha inviato navi da ricerca per perforare il fondo oceanico sotto il Mar di Tasmania, sotto il fango sedimentario degli ultimi millenni e nelle rocce deposte molto tempo prima come nel Cretaceo tardivo (da 100,5 a 66 milioni di anni fa).

Utilizzando come marcatori minuscoli fossili trovati nei sedimenti, i ricercatori sono stati in grado di determinare l’elevazione dei sedimenti al momento della loro deposizione. Hanno scoperto che in tre siti della Zealandia settentrionale, i sedimenti tra 35 e 50 milioni di anni fa contenevano fossili che indicavano ecosistemi di scogliera poco profondi. Oggi questi siti si trovano nel mezzo del Mar di Tasmania vicino a un’area chiamata Lord Howe Rise.

Più vicino a Vanuatu, in quella che oggi è la fossa della Nuova Caledonia, i ricercatori hanno scoperto specie di plancton a cellula singola che vivono in acque più profonde, indicando che l’elevazione della Zealandia era calata nello stesso arco di tempo, cioè da 35 a 50 milioni di anni fa.

Dopo l’ascesa della Zealandia settentrionale e il cedimento della regione della fossa della Nuova Caledonia, l’intero continente affondò per 1 km sotto il mare.

Sutherland e i suoi colleghi ora sospettano che i cambiamenti in Zealandia in quel momento facessero parte di un più grande disturbo che portò rapidamente alla formazione delle zone di subduzione dell’Anello di Fuoco intorno al Pacifico occidentale.

Non sappiamo dove o perché“, ha affermato Sutherland, “ma è successo qualcosa che ha indotto un movimento locale e quando la faglia ha iniziato a scivolare, come in un terremoto, il movimento si è diffuso rapidamente lateralmente sulle parti adiacenti del sistema di faglie e poi intorno al Pacifico occidentale“.

Questo processo avrebbe richiesto oltre un milione di anni, ma avrebbe rappresentato un drammatico riarrangiamento della geologia del Pacifico occidentale.

Quali sono state le conseguenze di questi cambiamenti geografici per piante, animali e clima regionale? Possiamo fare un modello al computer dei processi geologici che si sono verificati in profondità? Stiamo ancora scoprendo alcuni di questi, ma sappiamo che l’evento ha cambiato la direzione e la velocità di movimento della maggior parte delle placche tettoniche sulla Terra“, hanno scritto Sutherland e Dickens in The Conversation. “È stato un evento di significato veramente globale – e ora abbiamo osservazioni e idee davvero valide per aiutarci a capire cosa è successo e perché.”

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...