Quando i pinguini regnarono dopo la morte dei dinosauri

Che cosa caracollava sulla Terra ma nuotava superbamente nei mari subtropicali oltre 60 milioni di anni fa, dopo che i dinosauri furono spazzati via dal mare e dalla terra?

I registri fossili mostrano che giganteschi pinguini di dimensioni umane volavano attraverso le acque dell’emisfero meridionale – insieme a forme più piccole, di dimensioni simili a quelle di alcune specie che vivono oggi in Antartide.

Lo Kupoupou stilwelli appena descritto è stato trovato nelle remote isole geologiche di Chatham, nel Pacifico meridionale, vicino all’isola meridionale della Nuova Zelanda. Sembra essere il pinguino più antico conosciuto con proporzioni vicine ai suoi parenti moderni.

Visse tra 62,5 e 60 milioni di anni fa in un’epoca in cui non esisteva la calotta di ghiaccio al Polo Sud e i mari intorno alla Nuova Zelanda erano tropicali o subtropicali.

Il dottorando in paleontologia dell’Università di Flinders e laureato all’Università di Canterbury, Jacob Blokland ha fatto la scoperta dopo aver studiato una serie di scheletri fossili raccolti sull’isola di Chatham tra il 2006 e il 2011.

Ha contribuito a costruire il ritratto di un antico pinguino che colma un divario tra i pinguini giganti estinti e i loro parenti moderni.

Accanto ai suoi colossali cugini di dimensioni umane, incluso il pinguino mostruoso recentemente descritto Crossvallia waiparensis, Kupoupou era relativamente piccolo – non più grande dei moderni pinguini reali che alti poco meno di 1,10 metri“, dice a proposito della scoperta Blokland, che ha lavorato con il professor Paul Scofield e la professoressa associata Catherine Reid, così come il professore associato e paleontologo della Flinders Trevor Worthy.

“Kupoupou aveva anche gambe proporzionalmente più corte di alcuni altri pinguini fossili. A questo proposito, era più simile ai pinguini di oggi, il che significa che avrebbe caracollato sulla terra ferma.

Questo pinguino è il primo che ha proporzioni moderne sia in termini di dimensioni che di arti posteriori e ossa del piede (il tarso metatarsus) o forma del piede.

Come pubblicato sulla rivista americana Palaeontologica Electronica, il nome scientifico dell’animale omaggia il popolo indigeno Moriori dell’isola di Chatham (Rēkohu), con Kupoupou che significa “uccello subacqueo” nella lingua Te Re Moriori.

La scoperta potrebbe anche collegare le origini dei pinguini stessi alla regione orientale della Nuova Zelanda – dall’arcipelago dell’isola di Chatham alla costa orientale dell’isola meridionale, dove sono stati trovati altri fossili di pinguini più antichi, a 800 km di distanza.

La professoressa Scofield, senior curator of Natural History presso il Canterbury Museum di Christchurch, dell’Università di Canterbury, afferma che il documento fornisce ulteriore supporto alla teoria secondo cui i pinguini si sono rapidamente evoluti poco dopo il periodo in cui i dinosauri hanno smesso di camminare sulla terra e i giganteschi rettili marini hanno smesso di nuotare in mare.

Pensiamo sia probabile che gli antenati dei pinguini si siano discostati dal lignaggio che ha portato ai loro parenti viventi più vicini – come albatri e procellarie – durante il periodo tardo Cretaceo, e quindi molte specie diverse sono sorte dopo che i dinosauri sono stati spazzati via“, Dice la professoressa Scofield

Non è impossibile che i pinguini abbiano perso la capacità di volare e abbiano acquisito la capacità di nuotare dopo l’evento di estinzione di 66 milioni di anni fa, il che implica che gli uccelli hanno subito enormi cambiamenti in pochissimo tempo. Se mai trovassimo un fossile di pinguino del periodo Cretaceo , lo sapremo per certo.

BACKGROUND: La nuova specie si basa sull’osservazione di ossa fossilizzate di cinque scheletri parziali. Altri due esemplari hanno mostrato che una seconda specie di pinguino più grande era presente anche nell’isola principale di Chatham, ma non c’era abbastanza materiale per nominarlo formalmente. Tutti gli scheletri descritti sono stati raccolti tra il 2006 e il 2011 da un gruppo guidato dal paleontologo Jeffrey Stilwell della Monash University. Il dott. Alan Tennyson del Te Papa Tongarewa, del Museum of New Zealand e la professoressa Julia Clark dell’Università del Texas ad Austin erano nel gruppo e sono anche coautori del documento. La specie prende il nome dal professore associato Stilwell insieme con tutti gli esemplari ora curati dal Te Papa.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...